Ognissanti: volano gli acquisti di fiori e piante

Ognissanti: volano gli acquisti di fiori e piante

Ognissanti: volano gli acquisti di fiori e piante

Il Covid non frena le celebrazioni

Nonostante l’emergenza Covid-19, quasi 2 italiani su 3 (63%) hanno deciso quest’anno di omaggiare i propri defunti con le piante e i fiori simbolo della festività di Ognissanti e dei morti. L’inasprirsi della pandemia ha reso necessaria l’applicazione di misure anti contagio anche nei cimiteri con orari limitati, ingressi scaglionati e contingentati.

Crisantemi: produzione in calo, prezzi stabili

Il crisantemo resta il fiore simbolo più venduto, soprattutto per la sua lunga tenuta. La Coldiretti stima a livello nazionale un calo della produzione, mentre i prezzi di vendita al dettaglio dei fiori recisi restano stabili rispetto allo scorso anno e variano da 2 a 5 euro per quelli più grandi, fino ad arrivare ad oltre 20 euro nel caso di crisantemi in vaso o di mazzi con più fiori, con una tendenza all’aumento fino al 20% per acquisti last minute.

Coldiretti: occhio alle truffe

Per questo, nonostante la ricorrenza, la Coldiretti raccomanda di non cedere all’acquisto d’impulso, ma di verificare e mettere a confronto diversi prezzi. Per evirare, dunque, di cadere in truffe e frodi, Coldiretti suggerisce inoltre di evitare venditori improvvisati e preferire l’acquisto, se possibile, direttamente dai produttori.

Florovivaismo in forte crisi


La pandemia da coronavirus ha messo a dura prova il settore del florovivaismo che ha perso il 58% del fatturato di un anno con il taglio di decine di migliaia di posti di lavoro, che ora si trovano in gravissime difficoltà con le limitazioni per la partecipazioni a cerimonie e ricorrenze. L’emergenza sanitaria durante la stagione primaverile ha determinato, secondo la Coldiretti, la distruzione di intere coltivazioni nelle serre e nei vivai, creando problemi all’export con ritardi e difficoltà nei trasporti e nella vendita.

A rischio il futuro del comparto


Cio’ nonostante, ricorda l’Associazione dei Coltivatori Diretti, le semine e le piantumazioni sono proseguite anche durante la stagione invernale, con il rischio concreto di un nuovo blocco nel periodo cruciale di fine anno. A rischio bilico c’è il futuro di un comparto chiave del Made in Italy agroalimentare ricorda la Coldiretti – con il valore della produzione italiana di fiori e piante stimato in 2,57 miliardi di euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Your Shopping cart

Close